In rime e in righe aspettando Natale


Cari amici,

solo pochi giorni e festeggeremo un nuovo Natale.  Ci arriveremo tutti sempre più di corsa e affannati, increduli che sia già passato un anno, a fare bilanci e auguri, acquisti forsennati, a volte inutili, altre ripetitivi, ma senz’altro con la gioia di donare.  Ecco, dunque, la parola magica che crea l’atmosfera di questa festività: donare, come dare o per-donare.  Un donare sincero e mai artefatto regala momenti di gioia sia a chi dà che a chi riceve e crea quell’atmosfera che da sempre rende unica questa festività.  Finalmente tra un pranzo e un brindisi, un invito e un indaffararsi tra mille preparativi, troveremo piccoli momenti di pausa e di tranquillità che ci restituiranno un tempo diverso dalla  routine, il tempo dell’interiorità che bonifica l’animo e il pensiero e ci riconcilia con gli altri.

Un augurio a tutti voi di Buon Natale e l’invito a lasciare in questo spazio i vostri commenti in rime o in righe per vivere insieme questo lungo periodo di festa.

Lucia Sallustio

Annunci

14 thoughts on “In rime e in righe aspettando Natale

  1. Eccomi! Rinnovo gli auguri di buon Natale e Buon 2011. Che sia innanzi tutto sereno e ci sia tanta, ma proprio tanta pace.
    Ti scriverò poi per raccontarti una cosa. Abbracci a tutta la tua famiglia

    Mi piace

  2. A tutti quelli che aspettano con ansia il periodo più bello dell’anno:

    Buon Natale, luci colorate. I nostri occhi brillano con voi;
    buon Natale, alberi addobbati. Conservate sempre quell’incanto;
    buon Natale, rosso e oro. I colori più eleganti;
    buon Natale, buon Natale…
    A volte vorrei che durasse in eterno, che la gente dovesse scappare ogni giorno qua e là, per trovare i regali giusti. Vorrei svegliarmi con il cuore caldo, nonostante il gelo, e ascoltare le melodie che mi piacciono tanto. <>, dice una.
    Poi, penso sia meglio così. Sì. Bisogna attendere il Natale, perchè è fatto di attese.
    “Quando posso aprirli, mamma?”
    “Manca ancora un po’ alla mezzanotte”
    “Staremo tutti insieme il 25!”
    “Devo proprio aspettare domani, mamma?”
    Che meraviglia…
    Mille auguri di un felice Natale. Che sappiate attenderlo ogni volta, ma festeggiarlo ogni giorno della vostra vita.
    Ciao a tutti,
    Manu^^

    Mi piace

  3. Buon Natale a te, caraLu.
    Buon Natale a questo spazio che cresce di giorno in giorno, alle persone che lo permettono, quando passano di qua, e a te che lo curi come un giardino prezioso. Spazio riempito attraverso una frase, una risposta, una lettura attenta e, delle volte, veloce, ma solo perché il tempo è capace anche di questo.
    Buon Natale a tutte le persone alle quali voglio bene, a quelle che stimo, a quelle dalle quali imparo, o che a volte mi permettono di poter trasferire qualcosa anche io. A tutte quelle che non conosco perché sarebbe impossibile conoscere tutti, ed è, per me, certamente un perdere tanto.
    Buon Natale anche alle persone che mi sopportano, a quelle che invece non mi sopportano perché siamo umani e non possiamo piacere a tutti.
    Buon Natale a chi è sofferente, a chi sta con loro e soffre quasi allo stesso modo per l’impotenza che genera. Buon Natale a chi ha perso l’impiego e deve, magari, pagare bollette o mutui, ma a fatica riesce a donare un piccolo regalo almeno ai figli.
    Buon Natale a chi aspetta un responso che si affaccerà nel 2011, bello o brutto, ma l’attesa non è mai uno stato ideale con il quale vivere le notti lunghe e i giorni che non passano mai.
    A tutti voi, un abbraccio sincero.
    L’abbraccio: che bella parola. Io la adoro nel senso più alto che può avere un simile gesto. Segno di una forza umana positiva che anche il Natale ci fa vivere come dono da condividere e che, spero, ci accompagni fino al prossimo Dicembre e per la vita.
    A te, Lu, anche un grazie per avermi permesso di fissare queste parole in uno spazio ricamato da sentimenti e che ogni volta non mi permette di voler andare via subito.
    Stefy

    Mi piace

  4. Giungano a te, cara Luciana, e a tutti, gli auguri più belli di Buon Natale!

    NATALE SPECIALE

    Sogno
    muto
    di voce
    lontana
    saccheggia
    luce
    di sole
    tramontato
    di ciò
    che non è
    stato
    di un bacio
    d’amore
    non dato.
    Un’ansia
    frantuma
    il cuore
    dolore
    riannoda
    memorie
    di un Natale
    speciale
    cometa
    ancora
    su grotta
    fiamma
    d’eternità
    breve
    di un giorno
    che muore
    d’ombra.
    Da “Uno squarcio di sogno” di Daniela Quieti, Edizioni Tracce 2010

    Mi piace

  5. Ciao, Luciana, ho sbagliato la location dei miei auguri natalizi! Li ho postati sotto anonimo undiciparole. Per favore, puoi metterlo al suo posto?
    Grazie, scusa l’imbranataggine e ancora auguri.
    rosalia

    Mi piace

  6. Buon Natale a tutti.
    A chi crede, a chi non crede, a chi non lo sa.
    A chi perdona ma non dimentica, a chi non dimentica neppure un’occhiata storta, a chi dopo un momento del male ricevuto non si ricorda più.
    A chi ha tanto e si sente misero, a chi ha poco e se lo fa bastare, a chi desiderando quello che non può avere si consuma e consuma i giorni.
    A chi ha sofferto, a chi non ne è nemmeno più capace, a chi sa che “bel tempo e maltempo non durano tutto il tempo” e che vi sono momenti in cui bisgna fare come il giunco: flettersi, e aspettare che passi la piena (da un proverbio delle parti mie: calati iuncu ca passa la china).
    A Luciana, al suo blog, a tutti coloro che amano scrivere, leggere e giocare con le parole.
    rosalia

    Mi piace

  7. A chi di nuovo aspetta il Bimbo in Croce
    e a chi di Lui non sa cosa farsene,
    a chi crede che alla fine della notte più profonda,
    ci sia davvero la Luce che fa il giorno.

    A chi non lascia sciattamente
    che le occasioni sfuggano per sempre,
    a chi sale sui treni giusti e su quelli sbagliati,
    ma non dimentica qual è lo scopo del suo viaggio.

    A chi non smette mai di sperare
    e a chi ha smesso, ma magari ci ripensa,
    a chi tenacemente crede nel futuro,
    perché suo figlio domani abbia un presente.

    BUON NATALE

    Con affetto

    Elia

    Mi piace

  8. Lucia, faccio in tempo a rinnovarti i miei auguri e a lasciare un canto siciliano. Spero che il tuo Natale sia stato magnifico e che per tutti noi il Nuovo Anno possa essere sereno. Un abbraccio. Mariella

    Canto di Natale

    “Sutta u peri ra nucidda
    c’e na naca nica nica
    ci nasciu lu Bambineddu
    fai l’Avò Giesuzzu beddu!!
    Ie fai la ninna e fai la nanna
    figghiu beddu ri la mamma”
    “Ninu Ninu lu picuraru
    iddu rummia intr’o pagghiaru
    vinniru l’Angili e lu risbigghiaru
    accussi tutti cantaru.
    Susi Pasturi nun dormiti ciu
    viriti ca è natu u bambinu Gesù
    viriti ca è natu viriti ca è natu
    viriti ca è natu u Bambinu Gesù”
    “Balla Balla Bambineddu tuttu lu ciatu tuttu lu tò
    unni posi lu to piruzzu nasci na maccia i basaricò.
    Susi Bambinu vatinni a scola
    a Missa ti ciama u munnu ti sona
    trentatri anni na cruna ri spini
    spezza catini fa mali Gesù”.

    Mi piace

  9. faccio in tempo a ringraziarvi tutti? Sì, mancano cinque minuti alla mezzanotte di Natale ma riesco a ringraziare gli amici che hanno allietato questo spazio con i loro pensieri e versi bellissimi. Chiudo con un verso del canto siciliano di Mariella “Balla Balla Bambineddu”, con l’augurio che le Feste proseguano con serenità e minor lavorio per il nostro fegato, visto che oggi ogni dieta e buon proposito sono venuti meno di fronte alle tentazioni della buona tavola italiana, da nord a sud isole comprese.

    Mi piace

  10. Vi trascrivo la poesia della mia amica belga Frieda Leemans che apre l’antologia “Poesie sotto l’Albero 2010” edita dall’Associazione Culturale ed Artistica “L@ Nuov@ Mus@” di Aprilia. A voi giudicare la padronanza linguistica della mia amica di lingua fiamminga, perfetta bilingue francese e con una passione grandissima per l’Italia.
    Grazie Frieda per il consenso a pubblicarti.

    CRESCE LA BREZZA

    sento carezze
    sussurrate
    sfiorare
    pareti
    di cavi
    rugiadosi

    sulle tue labbra
    sapore
    liquido
    di mare
    e
    di miele

    vibra
    la mia pelle
    sfrenata
    mentre
    cresce
    la brezza d’estate

    e
    muovono
    i parati
    prima che
    esploda
    la tempesta.

    di Frieda Leemans
    Veterana dei raduni poetici de La Nuova Musa, viene puntuale dal Belgio all’appuntamento di Aprilia a ama scrivere in italiano ( dalla sua presentazione in antologia).

    Mi piace

  11. Cinque divagazioni in haiku sul Natale:

    Materialismo
    Folle e follia
    Persi in nuova mania
    D’acquisti vani.

    Natale
    Luci e suoni
    S’odono i pastori
    Giunt’è Natale

    Malinconia
    Malinconia
    Sospesa atmosfera
    Nasci Bambino.

    Suoni di Festa
    Fermo, risuona
    cornamusa a valle:
    nato è Gesù.

    Ciò che resta del Giorno
    Languido pensi:
    Passata è la Festa
    Un anno resta.
    di Lucia Sallustio

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...