Arriva San Valentino


PALLONCINI

Sono tutta in subbuglio. Giuliana mi ha appena riferito di loro due. Non li ha visti con i suoi occhi, ma si fida della persona che gliene ha parlato.

“Dai, dimmi che non è vero. Che è solo un incubo. Lo uccido, giuro che lo faccio. Detesto i bugiardi traditori e le gattemorte come Claudia.”

La mia amica cerca di calmarmi, ma il meccanismo è ormai in moto e recito tutto il copione dell’amata tradita, ingannata dai miei stessi sogni di amore eterno che m’hanno nutrita da quando ero in fasce. Sogni d’amore che ricerco nelle letterature, quelle straniere che studio e adoro, quella italiana di cui m’imbevo come se fosse la mia Bibbia, quella latina così profondamente lirica. Sono Saffo, Emma Bovary, Elizabeth Bennet che odia il suo Darcy, bello ma ottusamente orgoglioso, fino a che odio e amore coincidono. Più che altro oggi sono Tess, Clarissa, sedotta e abbandonata.

“Gliela farò pagare. Gli restituirò questo anello che mi ha regalato solo due giorni fa per il mio diciottesimo. Ipocrita.”

“Forse voleva farsi perdonare qualcosa.”

“Qualunque cosa sia, non m’importa più niente di lui.”

 

Ieri sera ero una Furia con Roby. Non mi tenevo nemmeno in piedi. Gli battevo i pugni chiusi sul petto. Non mi dispiaceva di fargli male, io che sono sempre colma di premure per lui, come un’eroina dei miei romanzi. Forse c’entra un po’ anche mia madre in questo. Il mio secondo nome è Eloisa e mi s’incolla addosso alla perfezione. Ma non voglio guarire di romanticismo in questo mondo squallido dove anche i sentimenti più teneri e veri fanno paura e ingenerano invidia.

“Hai finito?” mi ha chiesto lui .Teneva i suoi occhi sinceri fissi nei miei e le mani dalle belle dita affilate da pianista a coppa sul mio viso arrossato. Erano fresche e stavano spegnendo il mio fuoco. Sono scoppiata a piangere e mi è piaciuto farmi coccolare da quelle braccia forti che mi inglobavano in lui. Nonostante le tragiche premesse è stata la serata più romantica della mia vita. Non c’era mai stata nessuna Claudia, nessun tradimento. Menzogne, frutto dell’invidia di chi avrebbe voluto Roby tutto per sé. Il mio Roby.

Oggi siamo qua, io e la mia amica Giuliana, che attraversiamo le strade del centro città. Chissà come siamo buffe, la gente ci guarda e sorride. Ciascuna di noi porta in mano  un palloncino ad elio a forma di cuore. “Perdonami” c’è scritto su quello di Giuliana. “Ti amo” dice il mio. Li faremo volare sotto la finestra di Roby. Una maniera per ripartire da zero, senza ombre, vagabondi tra le nuvole.

 

di Lucia Sallustio

Annunci

2 thoughts on “Arriva San Valentino

  1. Mia cara, dolcissima Amica,
    lieve come un fiocco di neve il tuo narrare. Sai sfiorare l’anima del lettore con
    tocchi d’arte autentici e fruibili.
    Leggendo “Palloncini” ho pensato: “avrei voluto scriverlo io!”
    Complimenti e… oltre le stelle!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...