la geografia di questo blog


Country Views
Italy FlagItaly 3.454
United States FlagUnited States 62
Argentina FlagArgentina 51
France FlagFrance 17
Indonesia FlagIndonesia 16
United Kingdom FlagUnited Kingdom 15
Colombia FlagColombia 11
Switzerland FlagSwitzerland 11
Belgium FlagBelgium 9
Brazil FlagBrazil 9
India FlagIndia 7
Germany FlagGermany 7
Romania FlagRomania 6
Thailand FlagThailand 6
Macedonia, the former Yugoslav Republic of FlagMacedonia, the Former Yugoslav Republic 5
Netherlands FlagNetherlands 5
Russian Federation FlagRussian Federation 4
Spain FlagSpain 3
Côte d'Ivoire FlagCôte d’Ivoire 3
Taiwan, Province of China FlagTaiwan 2
Bulgaria FlagBulgaria 2
Poland FlagPoland 2
Panama FlagPanama 2
Australia FlagAustralia 2
New Zealand FlagNew Zealand 2
Senegal FlagSenegal 2
Venezuela FlagVenezuela 2
Ukraine FlagUkraine 2
Chile FlagChile 2
Pakistan FlagPakistan 2
Korea, Republic of FlagRepublic of Korea 2
Egypt FlagEgypt 1
Albania FlagAlbania 1
Sri Lanka FlagSri Lanka 1
Israel FlagIsrael 1
Ireland FlagIreland 1
San Marino FlagSan Marino 1
Greece FlagGreece 1
Belarus FlagBelarus 1
Hong Kong FlagHong Kong 1
Canada FlagCanada 1
Iceland FlagIceland 1
Denmark FlagDenmark 1
Syrian Arab Republic FlagSyrian Arab Republic 1
Holy See (Vatican City State) FlagVatican City 1
Mexico FlagMexico 1
Monaco FlagMonaco 1
United Arab Emirates FlagUnited Arab Emirates 1
Norway FlagNorway 1
Ecuador FlagEcuador 1
Czech Republic FlagCzech Republic 1
Nigeria FlagNigeria 1
Saudi Arabia FlagSaudi Arabia 1
Annunci

Leggere fa bene e… scrivere pure!


SOS ANTOLOGIA BANGLADESH

Scrivere per aiutare, non solo se stessi, ma soprattutto qualche altro.

Le vendite dell’antologia saranno devolute per la costruzione di biblioteche in Bangladesh. Leggeteci in tanti, più siamo e più saremo in grado di realizzare!

Nella raccolta sono state inserite alcune mie poesie inedite, prevalentemente su tematiche sociali.  Non vedo l’ora di partire con le presentazioni.

L.S.

LA LEZIONE- Racconto


LA LEZIONE

di

Lucia Sallustio

 

 

Certe volte la vita ti gioca brutti scherzi e certe altre t’illumina. Sono sempre stato sbadato o, forse, ho la tendenza ad impelagarmi in troppi impegni e corro, corro, finché m’imbatto in un ostacolo e sono costretto a fermarmi. E lì nascono riflessioni, ripensamenti, svolte felici e inattese.
Per farla breve, quel giorno mi ero precipitato all’Università di gran carriera. Tornando a casa mi ero reso conto di non avere le chiavi. Mi ero rituffato nel traffico di mezzogiorno inoltrato, schiamazzi di ragazzi in uscita dalle scuole, clacson inferociti e madri isteriche al recupero dei figli. Avevo imprecato tutto il tempo, anche perché un parcheggio non lo si trovava manco a pagarlo a peso d’oro e avevo dovuto girare in tondo varie volte prima di trovare un buco nel quale infilarmi. Mezzo chilometro a piedi e, finalmente, ero riuscito a raggiungere la mia destinazione.
La voce mi era risuonata nelle orecchie dal fondo del corridoio in penombra, affumicato da studenti incuranti delle norme. Una voce dolce, un ritmo lento e ammaliante che scandiva parole e frasi.
Mi affacciai sull’uscio della porta. La vidi. Bella e composta nel suo tailleur tipo Chanel, con il giacchino che le restava sui fianchi, appena aperto sulla camicetta in seta che sprofondava impudica nella scollatura. Sedeva accavallando le gambe con sensualità accattivante, la gonna sulle ginocchia, le gambe tese sulla punta dei piedi flessi in avanti, con la grazia di una ballerina. Era leggermente di lato, come la Gruber che ha fatto scuola tra le giornaliste in televisione e, anche a lei, questo trovarsi fuori asse rispetto agli ascoltatori, imponeva di reclinare morbidamente il capo facendo ondeggiare i lunghi capelli dorati sulle spalle. Ogni tanto si ricacciava una ciocca all’indietro con la mano, quasi con distratta malizia. Ondeggiava anche il filo di perle, ad ogni sussulto del corpo, al suo curvarsi in avanti che coincideva con picchi di voce appena più alti di quello usato per il resto della spiegazione. Sapientemente studiati per ricatturare l’attenzione o enfatizzare i concetti fondamentali.

E le mani, affilate e snelle, senza una piega, senza ombra volgare di smalto. La fede alla sinistra e il pavé di brillanti alla destra. Ipnotizzavano. Mi ritrassi giusto in tempo per non incrociare i suoi occhi. Per fortuna era girata dal lato opposto alle due porte. Restai lì dietro ad ascoltarla. Il tono di voce, caldo e suadente, si era rifatto regolare, mi sentivo cullato. Avrei voluto essere un suo studente, altrochè. Mi sarei fermato ad aspettarla, dopo la lezione, per chiederle chiarimenti che non avrei nemmeno recepito, attratto dai particolari del suo fascino seduttivo. Che fosse una donna elegante e curata era risaputo. Devo ammettere che certe donne, con il passare degli anni, si fanno più belle, forse perché acquisiscono i giusti artifici per esaltare le loro qualità. Era certamente avvenuto anche a lei. Catturato dalla profondità del suo sguardo, cullato dall’eco della sua voce, attratto dal valore ipnotico di gesti e ornamenti non casuali, non m’ero messo certo a contare le rughette intorno agli occhi o i possibili cedimenti della pelle dovuti all’avanzare dell’età. Invidiai in quel momento i suoi studenti, avrei voluto sedermi in prima fila, di fronte a lei, a godermela in prima visione.

Mi diressi verso la seconda porta della lunga aula. Di lì, pochi metri alle spalle della docente, avevo la vista dell’intera platea. Mi affacciai di nuovo, incuriosendo qualche studente. Per fortuna lei non si girò, troppo intenta nella spiegazione. La ascoltavano silenziosi. Aveva fatto lo stesso effetto anche su di loro. Due ragazzi negli ultimi banchi si scambiarono qualche battuta. Uno dei due affondò un gomito nel fianco del compagno che si schermì. La cosa finì lì. Afferrai solo qualche sguardo malizioso tra studentesse. Invidia, pensai. Come non invidiare una donna di classe come Guliana. Bella, lo era sempre stata. Ma ora la guardavo in una nuova luce. Nelle vesti di una professionista stimata che amava il suo lavoro al punto da rigenerarsi, scevrarsi dei problemi del quotidiano che piano piano azzerano le qualità migliori e che si caricava

di fascino e autorevolezza. Giuliana. Mia moglie. La donna che conoscevo da trent’anni e che amavo. Una donna che stava accendendo mille fantasie erotiche in questo squallido posto ammorbato da fumo e umori.
“Gianluca” che fai qui?”

“Ti eri accorta di me?” farfugliai, come uno studente imbranato di fronte a pulsioni e sentimenti che lo imbarazzano.”Beh, ho dimenticato le chiavi. Ero venute a chiedertele.”

“Il solito scorderello. Dai, usciamo insieme. Ho finito le lezioni, per oggi. Torniamo a casa. Dove hai parcheggiato?”

“Sì, sì. Torniamo a casa” le dissi, intontito dal suo profumo che pure le avevo regalato io al suo compleanno, il mese prima. L’abbracciai. Mi giravano in mente piani fantastici. Possibile che non mi fossi mai accorto prima di quanto fossero erotiche la sua voce, la sua postura, la sua maniera di parlare, di toccarsi i capelli?

“Perché non mi fai la stessa lezione che hai fatto ai tuoi studenti? In privato, s’intende. Sarei il tuo migliore studente.”

Sorrise, perplessa. Glielo avrei spiegato a casa. Dietro di noi avevano ripreso a fare chiasso e ridevano allegri, come quando cade la tensione.

Chi continua?


CANARY WHARF

L’isola dei cani

di Lucia Sallustio

   Lanciò uno sguardo di sfida al telefono, continuava a restare muto. L’orologio di fronte alla scrivania segnava già le 8 di sera, fuso londinese. L’australiano doveva risponderle già da un’ora prima. Non se ne sarebbe andata finché quel dannato telefono non avesse squillato, un solo giorno e l’affare sarebbe andato a finire in altre mani. La fornitura di allestimenti sportivi era colossale e aveva un prezzo troppo appetibile perché la concorrenza in giro, più di quella che potesse immaginare, non ne fosse solleticata. Non poteva rischiare, avrebbe aspettato ancora,  a costo di restarsene a dormire in ufficio. Le era già capitato altre volte, troppo testarda per rinunciare. Ma soprattutto per mostrarsi sconfitta. Se l’era costruita tutta la carriera, lei. Da sola. Sì, qualche aiutino qua e là se l’era cercato, ma solo con la forza della sua testa e, in qualche caso, della sua bellezza.

Le dita affilate tamburellavano sulla scrivania, mentre dava una scorsa al bilancio della NewThreshold Ltd. Lo lesse svogliatamente, aveva già dodici ore di lavoro alle spalle e l’alzataccia del mattino dopo l’insonnia notturna.

Le dita ritmavano stanche, ora. Si stava quasi appisolando sul dossier.

“Eccoli qua. Finalmente” sibilò precipitandosi con tutto il busto sulla cornetta.

“Hello? Eveline Thorntons, speaking”

La voce volutamente composta riempì di echi la stanza vuota. Per qualche secondo ripiombò il silenzio. Eveline annuiva. Non aveva nemmeno la forza di ribattere. Le avevano soffiato l’affare. Richiuse.

Il pugno secco sulla scrivania fece rimbalzare la Monblance alcuni fogli sul pavimento. Fremeva per la rabbia. Non erano tempi da perdere una fornitura del genere. Valeva almeno più del doppio e le Olimpiadi si avvicinavano.

Se l’era lasciato sfuggire come una stupida. Era stato quel giorno in cui la cervicale l’aveva inchiodata al letto. L’aveva rovinata, dannata cervicale, l’unica capace di azzerarla e trattenerla dal lavoro. Pure con la febbre andava in ufficio. Ma quando tutto prendeva a girarle intorno e gli occhi partivano in quello spinning impazzito, allora non ce la faceva proprio.

“Eppure continuo a pensarlo, sarà” borbottò, poco convinta.

Ricordava di avere lasciato l’appunto sulla scrivania, la sera prima dell’attacco di cervicale. Ma poi non l’aveva più trovato.

“Maledetti inservienti”

Un tonfo dal corridoio catturò la sua attenzione. Sollevò lo sguardo oltre la vetrata. Intravide una sagoma china a raccattare qualcosa. Era il giovane delle pulizie. Ogni sera, dopo le ore di ufficio, la stessa storia. Una vecchia storia che conosceva troppo bene. Non si era mai soli in quegli uffici. Avrebbe fatto meglio a dare uno sguardo al capitolato, per sapere almeno quando pulivano l’ultimo piano. Almeno in quei giorni avrebbe fatto più attenzione con documenti e appunti di rilievo.

L’uomo si sentì osservato e sollevò lo sguardo verso di lei. Lo guardò dura, con sospetto, quasi ad ammonirlo che con lei non si scherzava.

“Posso?” le chiese timidamente, entrando in ufficio con il carrello a seguito e in mano lo spazzolone per i pavimenti appena raccattato.

Non lo degnò di risposta. Meglio evitare ogni promiscuità. Doveva chiudere la faccenda dell’appalto saltato, al più presto. Johnsons della

Sports Scaffolding S.P.A  aspettava la risposta. Cercò in memoria e digitò il numero. L’uomo delle pulizie non le levava gli occhi di dosso, nemmeno per un secondo. Lo sguardo la infastidì e non per l’imbarazzo, aveva dimenticato da un decennio quella sensazione. Come si permetteva, quello sfrontato. Non sapeva chi era lei? Chi non temeva Eveline Thorntons, l’implacabile General Manager della omonima società?

Verso il terzo compleanno da blogger


Il 10 novembre questo blog compirà 3 anni.  Oggi, 4 novembre, il contatore di WordPress dice:

19.898

visite totali

Vorrei tanto raggiungere le 20.00 visite entro quella data. Mi aiutate?

L.S.