Immagine


classifica

Annunci

Figlio di nessuno di Mariangela Altamura


Venerdi’  29 marzo ore 19,00

Figlio di nessuno di Mariangela Altamura

Lucia Sallustio con la giovane scrittrice Mariangela Altamura

Lucia Sallustio con la giovane scrittrice Mariangela Altamura

MARIANGELA FIGLIO DI NESSUNO
leggi la sinossi del libro

Sohn era il figlio di due americani, morti in un incendio per cause sconosciute. A causa del trauma subito, decide di non rivolgere più la parola a nessuno. Viene trovato in stato di shock e portato in un orfanotrofio, dove viene spesso maltrattato dai bulli e dalla severa direttrice.
Una volta adottato, si trasferisce con la sua famiglia nella cittadina statunitense Blue Hill; a scuola conosce Arya, una ragazza italo americana, della quale ben presto si innamora.
Parallelamente alla misteriosa figura di Sohn, tre pericolosi serial killer sono alla ricerca del ragazzo, per vendicare una vecchia ed inquietante questione.
La salvezza di Sohn e Arya avverrà grazie alla forza d’animo del ragazzo, oramai guarito dal suo doloroso passato, e grazie al prezioso aiuto del geniale e determinato detective Law.

CONVERSERA’ CON  PROF.SSA LUCIA SALLUSTIO    SCRITTRICE E POETESSA

   Ingresso libero

http://www.facebook.com/events/352408608192295/

Riflessioni di un personaggio


…Penso che le cose accadono perché devono accadere. Per quanto si cerchi e, sono sempre convinta, si debba cercare di cambiare il corso alle cose, una volta che il volo in libera caduta è partito è una grande fatica impedirne l’arresto. Alcune volte ci si riesce, il più delle altre avviene tutto per caso. 

riflessioni di Maria Luisa nel mio nuovo romanzo

L.S.

 

Premio Letterario “Donna”- Fasano 2013


Su questo link troverete le foto della serata e l’articolo di oggi.

 

http://www.gofasano.it/notizie/cultura-e-spettacolo/19200-premio-letterario-donna-2013-i-vincitori.html

La menzione di merito è per la mia poesia  Pugni sulla porta.

Questa la motivazione della Giuria:

 

Un’oscura, lenta, indomabile malattia si materializza nella durezza di una porta chiusa contro cui si infrangono i pugni stretti di un uomo, costretto alla resa, ai singhiozzi di un bambino, allo smarrimento della smemoratezza, al buio senza ritorno. Spiccano la qualità retorica dei versi, l’uso sapiente di antitesi, figure etimologiche e metafore, l’ambito semantico del dolore comunicato con lessico suadente.

 

 

Una micro-storia per Milò7


Milò7- micro storia 23 Lucia Sallustio

 

 

Giorni di sorprese letterarie. Questa è l’ultima di questa mattina: alle ore 7 la mia micro-storia era già pubblicata per la puntata 23 del romanzo collettivo Milò7.

Partecipate anche voi, un’avventura che vale la pena.  Dieci righe per 8oo caratteri (spazi inclusi, ahimé) su un tema settimanale lanciato dalla Redazione, la stessa del Goldenbookhotels che già mi ha lasciato bei ricordi con la pubblicazione e traduzione del mio racconto “La bisnonna francese”.