Pubblicata la mia silloge di poesie “Inter-city”


Un grazie immenso a quanti, con pazienza e ignari della calura estiva, mi hanno aiutata a leggere la raccolta con occhi “terzi” e impietosi per migliorarla e impreziosirla con le loro riflessioni critiche.

Grazie innanzitutto ad Alessandro Lattarulo, il curatore del libro, che ha seguito e incoraggiato la genesi in un momento lungo e difficile di incubazione e mi ha presentata all’editore Stefano Ruocco che ha riposto fiducia in me.

Grazie ai miei amici di scrittura Gianni Antonio Palumbo, dalla cui introduzione è stato estratto il testo dell’aletta riportato di seguito, al poeta e critico Vittorio Verducci che mi ha fatto dono prezioso della pre-fazione, al poeta e scrittore stimatissimo Andrea Masotti e ai suoi preziosi consigli, al Preside Giuseppe Prosperi che mi ha letta e proposto un suo editing che ha alleggerito alcune ridondanze, a Maria Rizzi che da anni mi segue con affetto e mi ha fatto conoscere il prefatore.

Grazie a Gabriella, alunna e violinista di grande valore, alla quale dedico questa silloge. Sento dentro di me che il suo violino suonerà, come in passato, durante le presentazioni di “Inter-city”ai lettori.

L’autrice

Lucia Sallustio

Dall’aletta del libro

“Mi trovi sempre qui / al chiarore del giorno / ad aspettare. / Occhi che fagocitano / passi erranti di migranti”. È con quest’immagine, dominata dal senso di attesa, che si apre la silloge Inter-city di Lucia Sallustio, raffinata poetessa e narratrice molto attenta alle funzioni e ai valori espressivi della parola. L’opera è impostata come una progressione di appunti e pensieri, che si agglutinano attorno alla tematica del viaggio. Il viaggio è scandito secondo un duplice ritmo: è percorso reale, della Dirigente che quotidianamente macina chilometri in Intercity per raggiungere la sua sede scolastica, ma è al contempo itinerarium mentis di un’anima sognatrice. La Sallustio alterna la contemplazione di “campi di carciofi” e “antichi casolari” al dischiudersi di un’altra dimensione, il vagare dell’anima “per viuzze antiche, / sotto gallerie e in piazze gremite”, in atmosfere a lei decisamente più consentanee, proprio come quella, panica, che pervade i versi dal titolo Gelsomini di Tangeri.

Accanto ai momenti in viaggio, l’autrice delinea attimi di stasi; talora essa assume quasi l’aura di un buen retiro, che consente di contemplare la “bruma” e coglierne la promessa di quiete, o prelude all’epifania della poesia, che sola può placare la “tormenta” interiore. […]

Nella consapevolezza che anche quello che i versi compiranno – analogo al reale, e metaforico al contempo, sobbalzare del treno sui “campi di grano arso” nell’explicit – sarà un viaggio dalle destinazioni ignote e che ogni punto di approdo sarà foriero di nuove attribuzioni di senso. E di nuove emozioni.

Da Inter-city di GIANNI ANTONIO PALUMBO

WIP EDIZIONI

Annunci

2 thoughts on “Pubblicata la mia silloge di poesie “Inter-city”

  1. Finalmente una nuova pubblicazione. Gli impegni quotidiani sono un freno alla creatività, soprattutto per te. Proprio una tua poesia di questa raccolta racconta il grigiore di giornate apparentemente uguali, anche se è paradossale che l’impegno massimo, l’esperienza donata, l’abnegazione, possano invece riflettersi in questo modo su chi le prova.

    PAUSA

    Si riavvia la macchina
    con fatica, dopo la pausa.
    Di nuovo scorrono
    davanti agli occhi
    immagini consuete
    nemmeno care
    simulacri di recenti usi
    stazioni deserte
    di paesi ignoti,
    stazioni affollate
    per mete ambite.
    E piano piano
    al sobbalzare vivace del treno
    metto a fuoco il cammino.
    E riprendo cognizione
    del mio destino.

    non sempre la poesia è alti orizzonti e alti pensieri, saper guardare nell’animo umano e comunicarlo, indagare il destino proprio anche nella stanchezza e nei mezzi toni, raggiunge un obiettivo non certo secondario: comunicare con il realismo che è uno dei principali aspetti della nostra cultura, la sofferenza e la dignità della condizione umana.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...