La baia


Dall’alto della Montagna dei Pizzi dove erano alloggiati con
gusto sapiente i giardini La Mortella, la baia si stendeva come
un merletto sotto il sole che aggiungeva ricami di luce. Le
onde leggere disegnavano arabeschi sulla sabbia vulcanica. L’odore
di bosco di lecci misto alle fragranze floreali e arbustive la faceva
sentire leggera, quasi sgravata da un peso materiale. In quella
nicchia verde la sua indole romantica si beava, il suo spirito si
slegava dalla logica dell’hic et nunc e s’involava immateriale tra il
vago dei pensieri, ombre felici e appagate.
Dal capitolo 14 de “L’equilibrio imperfetto” di Lucia Sallustio

Annunci

2 thoughts on “La baia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...