SAN VALENTINO IN POESIA


S’avvicina la festa, meno di 1 mese, molto meno.

Che facciamo, bissiamo? Ripartiamo con lo scambio di poesie d’amore? Onoriamo il tema in versi?

A Voi la parola, il salotto virtuale è a disposizione di chi d’amore scrive e di chi legge poesia d’amore.

Lucia Sallustio

Annunci

Christmas 2013: food for thought


Bells jingle back
Bells jingle back

Behind the watery crying glass

The air breathes most and onions

Reminiscent to the heart of days gone by.

Not so far away is, of the summer,

The long claimed boiling,

Evaporated into the mists of dawn

Numbing thick thoughts .

Twinkle lights and silver ribbons

In the haunting shop-windows

Of more and more desert stores

Echoes of better harvest and vanity.

Parading the new Magi in stations

Do not bring gifts, they do not tend hands

Has now passed all shame

And resentment rises walls and divide.

Empty cots are still in cribs

Arid hearts of hope get angrier

sometimes violence screams in the streets .

Ring the bells, it’s Christmas.

Natale 2013: un momento di riflessione


Son tornate a suonare campanelle

Son tornate a suonare campanelle

Dietro i vetri lacrimanti di condensa

E l’aria respira mosto e cipolle

Che evocano al cuore giorni andati.

Non sono così lontani, dell’estate

I bollori a lungo reclamati,

evaporati nelle nebbie dell’alba

che intorpidiscono pensieri fitti.

Brillano luci e nastri argentei

Nelle  vetrine ammalianti

Di negozi sempre più deserti

Echi di raccolte migliori e vanità.

Sfilano i nuovi Magi nelle stazioni

Non portano doni, non tendono mani

Superato è ormai ogni pudore

E il rancore erge muri e divide.

Vuote sono ancora le culle nei presepi

Aridi i cuori di speranza s’arrabbiano

E ogni tanto la violenza urla nelle strade.

Suonano le campanelle, è Natale.

 

di Lucia Sallustio

gocce di poesia


Viaggi

Cuori di speranza

accendono sorrisi

in visi d’incertezza.

Si serrano amicizie

in cordame d’acciaio

che imbraga fragilità.

Al vento dell’ignoto

si gonfiano ardite le vele

lacerate da scossoni.

Restano, soli a navigare

amaro a masticare.

S’intravedono da lontano

orme di sopravvissuti

sulla spiaggia deserta.

Di Lucia Sallustio

Chi parla del Premio di Poesia “San Valentino d’Autore”


Ecco qui alcuni link ai magazine on-line che danno diffusione al Premio di Poesia San Valentino d’Autore.

Speriamo che siano in tanti a leggere e commentare le poesie in gara e, soprattutto, che l’intramontabile tema poetico dell’Amore” sia debitamente onorato.

L.S.

http://www.dols.it/2013/01/24/%E2%80%9Csan-valentino-d%E2%80%99autore%E2%80%9D/

http://donna.piazzagrande.info/GlamourTech/san-valentino-d-autore/2013/01/24

La poesia: è tempo per la poesia civile


CUORE DI PIETRA

Ci vorrebbe un cuore di pietra
A guardare immagini di morte
Il boccone infilzato in una forchetta
La tavola imbandita del superfluo,
a sentire lamentele di povertà strisciante
tagli incomprensibili a pensioni e salari
a chi già trafficava con il poco
e giocava con cappelli di mago
a quadrare il bilancio d’una vita.

Ci vorrebbe una pietra al posto del cuore
Per non palpitare di livore
Quando invidiano chi studia
E i tuoi studenti fanno indigestione
Di numeri e parole, vomitano irriverenti
Concetti e disequazioni, abusi, pensano,
di professori a favore della vivisezione
di cui si sentono cavie più che fruitori.

Ci vorrebbe un cuore fatto a pietra
Per non sentire forte il dolore
Quando apprendi di famiglie sventrate
Dalla morte, dall’odio e dalla malattia,
quando occhi grandi di sofferenza e pudore
t’infilzano la milza e lacerano il cuore.
Allora, quando ci pensi e soffri e
Cerchi la soluzione se t’è in potere,
vorresti avere un cuore di pietra.

Di Lucia Sallustio (dal’antologia SOS Bangladesh, Wip edizioni, Bari dicembre 2012)

La poesia del Natale 2012


2011_0830FABRIZIO0022

 

UN ALTRO NATALE

Il Bambinello ha guance rubiconde
C’è tepore nella capanna, è l’amore.
Fuori si gela.
Il finto abete dagli aghi di plastica
Occhieggia di luminose intermittenze.
Non riscaldano.
Rosso, oro e argento si mescolano
In un fasto che illude solo gli occhi
Dentro il cuore il ghiaccio.
Le risate della festa risuonano nell’aria
Toccano il cielo e si spengono, stanche.
Non sono di felicità.
I Magi traballanti percorrono sentieri,
quelli del presepe sono impervi, cadono.
La Verità è dura.
Campane allegre come cornamuse
Annunciano il Natale e i cori stonano
Canti popolari per le strade bagnate.
Qui io sola ad aspettare.

di Lucia Sallustio

la geografia di questo blog


Country Views
Italy FlagItaly 3.454
United States FlagUnited States 62
Argentina FlagArgentina 51
France FlagFrance 17
Indonesia FlagIndonesia 16
United Kingdom FlagUnited Kingdom 15
Colombia FlagColombia 11
Switzerland FlagSwitzerland 11
Belgium FlagBelgium 9
Brazil FlagBrazil 9
India FlagIndia 7
Germany FlagGermany 7
Romania FlagRomania 6
Thailand FlagThailand 6
Macedonia, the former Yugoslav Republic of FlagMacedonia, the Former Yugoslav Republic 5
Netherlands FlagNetherlands 5
Russian Federation FlagRussian Federation 4
Spain FlagSpain 3
Côte d'Ivoire FlagCôte d’Ivoire 3
Taiwan, Province of China FlagTaiwan 2
Bulgaria FlagBulgaria 2
Poland FlagPoland 2
Panama FlagPanama 2
Australia FlagAustralia 2
New Zealand FlagNew Zealand 2
Senegal FlagSenegal 2
Venezuela FlagVenezuela 2
Ukraine FlagUkraine 2
Chile FlagChile 2
Pakistan FlagPakistan 2
Korea, Republic of FlagRepublic of Korea 2
Egypt FlagEgypt 1
Albania FlagAlbania 1
Sri Lanka FlagSri Lanka 1
Israel FlagIsrael 1
Ireland FlagIreland 1
San Marino FlagSan Marino 1
Greece FlagGreece 1
Belarus FlagBelarus 1
Hong Kong FlagHong Kong 1
Canada FlagCanada 1
Iceland FlagIceland 1
Denmark FlagDenmark 1
Syrian Arab Republic FlagSyrian Arab Republic 1
Holy See (Vatican City State) FlagVatican City 1
Mexico FlagMexico 1
Monaco FlagMonaco 1
United Arab Emirates FlagUnited Arab Emirates 1
Norway FlagNorway 1
Ecuador FlagEcuador 1
Czech Republic FlagCzech Republic 1
Nigeria FlagNigeria 1
Saudi Arabia FlagSaudi Arabia 1

Verso il terzo compleanno da blogger


Il 10 novembre questo blog compirà 3 anni.  Oggi, 4 novembre, il contatore di WordPress dice:

19.898

visite totali

Vorrei tanto raggiungere le 20.00 visite entro quella data. Mi aiutate?

L.S.

Nostalgia di poesia con un pizzico di ironia


DI VERSO IN –VERSO

 

Dove andare a parare,

se ricominciare o solo

mescolare e frullare,

andare per ordine inverso

o procedere di traverso,

dall’alto verso il basso o

dal basso verso l’alto.

Rivedo, ritocco, aggiungo

Rigetto, m’infurio, distendo

Mi guardo allo specchio.

Un nervo per capello,

ecco, spaccherò il capello,

di lima m’attrezzo e,

tutto d’un pezzo,

rileggo il mio pezzo.

Non male, mi suona migliore,

ma in fondo il primo non era peggiore.

Era forse la foga, l’ansia da performance,

parole sferzanti per i benpensanti.

E ora che a furia di stare a guardare

S’è fatta l’aurora, mi posso sparare.

Di punta e di tacco, di lima e cesello

Il verso è scomposto, il senso disperso

Dell’estro iniziale rimane un ciarpame

Di sillabe mute ma ben abbinate,

parole tronfie di senno svuotate.

Ho troppo giocato, a lungo sfrondato

e ciò che rimane dell’ampio mantello

È un misero, buffo,  minuscolo cappello.

di Lucia Sallustio